Reti di frodi in Internet

Computer and Phone

Reti di frodi in Internet

In connessione con il Covid-19, i corpi di polizia cantonali constatano che sempre più truffatori tentano di indurre le persone, tramite Internet o telefonicamente, ad effettuare pagamenti ingiustificati. Zurich consiglia ai clienti di essere prudenti.

Attualmente le autorità osservano di frequente le seguenti reti di frodi:

  • E-mail di phishing: i truffatori inviano ad esempio e-mail che sembrano provenire dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) o dall’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).
  • Voice Phishing: i criminali telefonano e dicono di agire a nome dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), tentando in questo modo di accedere a informazioni personali. Altri criminali creano schede interattive su pagine web, che mirano a illustrare la diffusione del coronavirus, ma che in realtà avviano il download di un malware.
  • Falsi appelli per donazioni: i truffatori si spacciano per collaboratori di un’organizzazione di beneficenza e chiedono donazioni, ipoteticamente per sviluppare un vaccino contro il COVID-19.
  • Falsi shop per prodotti medici: i criminali creano falsi shop online dai quali offrono ipoteticamente prodotti medici, come mascherine protettive. Nonostante il pagamento, non forniscono la merce. 
  • Money Mules: i truffatori fanno proposte apparentemente interessanti a nome di una società e tentano in questo modo di convincere dei cittadini incensurati a fungere da agenti finanziari (Money Mules) per trasferimenti sospetti.
  • Extortion: i criminali minacciano per e-mail, in caso di mancato pagamento di un riscatto in denaro, di infettare la famiglia del destinatario con il coronavirus.

Le autorità consigliano di attenersi alle consuete misure di sicurezza contro i tentativi di frode anche ai tempi del coronavirus:

  • Non aprite e-mail o allegati di mittenti sconosciuti e non cliccate mai sui link.
  • Non rispondete alle richieste di ricattatori e non reagite ad e-mail
    delicate. Per lo più si tratta di spam.
  • Non lasciatevi mettere sotto pressione da persone sconosciute al telefono. In caso di dubbio, terminate la conversazione.
  • Non condividete mai le password, i dati di accesso o le informazioni sul conto per
    telefono o e-mail.
  • I pagamenti anticipati per gli shop online si dovrebbero effettuare solo per gli importi più piccoli. I pagamenti di maggiore entità devono avvenire attraverso un conto intermedio consigliato dalle piattaforme oppure attraverso un conto fiduciario online. In alternativa, si consiglia di pagare la merce direttamente al ritiro.
  • Non dovreste mai mettere i vostri conti a disposizione di terzi.
  • Implementate software antivirus per individuare ed evitare infezioni da software nocivi e mantenete aggiornati i vostri sistemi privati.

Fonte: https://www.melani.admin.ch/melani/it/home/themen/covid-19.html

Altri articoli

cyber hacker

Protezione dagli attacchi informatici

Gli hacker sfruttano il coronavirus per incrementare gli attacchi informatici – questi sono i pericoli in agguato per le PMI e così ci si può proteggere.
Cyber

Gli attacchi informatici possono colpire tutti!

Le rapine in banca fanno parte del passato. Al giorno d’oggi chi vuole accedere a grandi somme di denaro non ha più bisogno di piede di porco, pistola e di un’automobile su cui fuggire. Gli servono piuttosto un buon collegamento a Internet, un’intelligenza acuta e molta energia criminale. Gli hacker sono ovunque.