Temporali: come proteggersi

Temporali: come proteggersi

L’atmosfera del temporale: i bambini e gli animali la avvertono in modo particolare. Prima l’aria diventa opprimente, poi l’atmosfera si carica fino a quando la tensione esplode sotto forma di lampi e di tuoni.

Perché si formi un temporale deve verificarsi una serie di fattori: particolari condizioni di vento e pressione atmosferica e un certo tipo di topo­grafia. A quel punto, dall’aria calda e umida degli strati più alti non si forma una semplice nuvola, bensì una nube tempo­ralesca: questa è enorme e può contenere fino a 100 milioni di tonnellate d’acqua.

Attrito tra i cristalli di ghiaccio

Nella nube temporalesca sono presenti forti correnti ascensionali che spingono verso l’alto le goccioline, le quali congelando diventando cristalli di ghiaccio che sfregano gli uni contro gli altri. In questo modo si crea una tensione elettrica che alla fine si scarica con i fulmini. Ciò accade soprattutto d’estate quando fa molto caldo e molta acqua evapora. Secondo MeteoSchweiz, fulmini e lampi secondari si abbattono sul nostro territorio circa 150’000 volte all’anno. La zona maggiormente colpita è il Ticino meridionale.

Nell’Altipiano svizzero i servizi meteo spesso annunciano l’arrivo di temporali con alcune ore di anticipo, ma nelle montagne a volte si formano davvero da un momento all’altro. Per questo motivo è importante conoscere le più importanti regole di condotta.

Proteggetevi dai temporali

  • Ogni anno, in Svizzera, molte persone sono colpite dai fulmini: la maggior parte di loro sopravvive, ma a volte un colpo di fulmine può avere anche conse­guenze mortali. Pertanto, dovreste cercare di ridurre al minimo il rischio di essere colpiti.
  • Prendete sul serio le allerte meteo e infor­matevi sull’andamento del tempo, ad esempio con l’app push di MeteoSchweiz.

Cercare un faggio? Meglio di no

  • «Evitare le querce e cercare rifugio sotto un faggio?» Purtroppo non è una buona idea. Evitate alberi esposti, gruppi di alberi, ponti elevati, tralicci o torri, dal momento che i fulmini colpiscono spesso laddove vi siano elementi che si protendono verso l’alto.
  • Anche il metallo e l’acqua attirano i fulmini. Se state nuotando o andando in barca a vela, uscite subito dall’acqua. Se siete per strada in moto o motorino, fermatevi e spegneteli.
  • Se capitate in mezzo a un temporale nel corso di un’escursione, cercate rifugio in una conca e mettetevi in posizione rannicchiata. Attenzione: anche gli ancoraggi in metallo dei percorsi o delle vie ferrate possono attirare i fulmini.

Sicurezza in auto e a casa

  • Cercate riparo nella vostra auto: si forma una cosiddetta «gabbia di Faraday» che impedisce al fulmine di raggiungervi, dal momento che il metallo lo devia verso l’esterno. Anche negli stabili con il para­fulmine siete ben protetti.
  • Infine: prima di uscire di casa, staccate le prese di apparecchi elettrici come i televisori e i computer, onde evitare danni dovuti a sovraccarichi ed eventuali incendi.

Una buona assicurazione contro i temporali

Apparecchi elettrici come la televisore e il computer possono subire danni se un fulmine colpisce la linea elettrica creando una sovratensione. L’assicurazione di mobilia domestica copre il riacquisto al valore a nuovo, generalmente con una franchigia di 200 franchi svizzeri. Essa offre copertura anche nel caso in cui l’inventario dell’appartamento sia stato danneggiato a seguito di incendio. I danni allo stabile sono coperti dall’assicurazione stabili. E se l’auto viene colpita dalla grandine, interviene la copertura casco parziale dell’assicurazione di veicoli a motore.

Altri articoli

Il pericolo più grande è in agguato nelle viscere della terra

I terremoti sono il pericolo naturale con più potenziale di danno, ma molti non sono sufficentemente assicurati.

Rischi naturali – li conoscete?

Con i cambiamenti climatici aumentano la frequenza e l’intensità dei rischi naturali, quali inondazioni o frane. Quanto è sicura la vostra zona?