Le inondazioni sono sempre più frequenti: cosa fare?

La moglie salta in una pozzanghera con gli stivali di gomma verde

Le inondazioni sono sempre più frequenti: cosa fare?

Ormai da tempo i cambiamenti climatici si fanno sentire anche in Svizzera: i fenomeni atmosferici estremi si moltiplicano. Gli episodi di maltempo con piogge torrenziali, innalzamento dei livelli idrometrici, inondazioni e piene sono sempre più frequenti. I danni che ne derivano possono essere ingenti.

Secondo un progetto di ricerca internazionale del Politecnico di Vienna, le ondate di maltempo con inondazioni sono destinate ad aumentare tra l’Islanda e le Alpi – e quindi anche in Svizzera. I motivi alla base di questa tendenza sono precipitazioni più intense, terreni più umidi e forti piogge. Tutti l’hanno sperimentato almeno una volta: inizia prima a piovigginare, poi la pioggia aumenta e tutto a un tratto l’acqua sembra cadere a secchiate. 

Un evento di pioggia intensa può terminare dopo pochi minuti. Spesso però ha effetti devastanti, poiché il terreno non è in grado di assorbire le grandi quantità di pioggia cadute nel giro di poco tempo. Le conseguenze sono l’innalzamento dei livelli idrometrici, lo straripamento dei corsi d’acqua, inondazioni, piene improvvise e scoscendimenti del terreno.

Gli eventi di pioggia intensa possono colpire chiunque

Le piogge torrenziali non interessano soltanto le zone esposte al rischio di piene: le inondazioni possono colpire qualsiasi persona. Nell’80% dei casi, le dichiarazioni di sinistro presso gli assicuratori riguardano cantine allagate. Vini, attrezzi sportivi, lavatrici, scarpe: tutti gli oggetti riposti in cantina possono subire danni causati dall’acqua. Generalmente i costi dei sinistri si aggirano in media sui CHF 3’000. Il modo migliore per prevenire i danni è essere informati: tramite l’invio di notifiche push, media e app varie avvertono in caso di condizioni meteo instabili segnalando forti piogge, temporali e possibili inondazioni.

Piccole precauzioni di grande efficacia in caso di piena

  • In caso di allerta per piene, sgomberate le cantine e i garage a rischio o sistemate gli oggetti ad altezza di sicurezza. 
  • Se avete spesso a che fare con piene e inondazioni, anziché al livello del terreno dovreste riporre i vostri beni sempre a una certa altezza, ad esempio su pallet o piedistalli artigianali. Anche 20 cm possono fare una bella differenza.
  • Sigillate tutte le possibili infiltrazioni d’acqua.
  • Nelle parti esposte dello stabile staccate la corrente e chiudete l’acqua e il gas. La penetrazione di acqua può infatti causare cortocircuiti, contaminare le condutture idriche e provocare addirittura incendi.
  • Togliete la vostra auto elettrica dalla stazione di ricarica nel garage sotterraneo. In caso di inondazione, un’auto elettrica in carica può rappresentare un pericolodi vita, essendo l’acqua un conduttore di elettricità.

Cosa fare se la cantina è allagata?

Se si è alle prese con un’inondazione, occorre mantenere i nervi saldi e agire prontamente per arginare il danno. Assicuratevi però di agire solo se nessuno è in pericolo.

  • Se necessario, avvisate i vigili del fuoco.
  • Mettete in salvo ciò che potete prestando la massima attenzione alla vostra sicurezza. Quella viene prima di tutto.
  • Non dimenticate di fare una lista degli oggetti danneggiati e di scattare delle foto.
  • Informate il vostro assicuratore. Fate pulizia, dato che dopo l’inondazione fango e umidità possono causare danni consecutivi.
 

L’assicurazione giusta in caso di piene

Se la vostra mobilia domestica finisce sott’acqua, l’assicurazione di mobilia domestica paga il riacquisto al valore a nuovo.La franchigia, in caso di danni della natura, è di CHF 500. Le imprese sono assicurate con la copertura dei beni mobili della rispettiva assicurazione di aziende. In caso di danni ai veicoli, interviene l’assicurazione casco parziale dell’assicurazione di veicoli a motore

Se in seguito a piene un’impresa è costretta a sospendere temporaneamente l’esercizio, il modulo supplementare «interruzione di esercizio» può attutire le perdite di fatturato e mettere in salvo l’esistenza stessa della ditta. I danni della natura agli stabili, come ad esempio i muri bagnati, sono coperti dall’assicurazione stabili. Nella maggior parte dei cantoni è obbligatoria.

Controllate il vostro rischio individuale

Sapete quanto è a rischio la vostra zona in caso di forti piogge, maltempo o inondazioni? Grazie al radar dei pericoli naturali potete controllare quanto siano esposti al rischio di piene il vostro appartamento in affitto, l’abitazione di proprietà o l’impresa. Inoltre in questo strumento trovate anche il profilo della specifica zona per i rischi terremoto, deflusso superficiale, grandine, tempeste e colate detritiche. 

Provatelo: inserite il vostro indirizzo e con pochi clic scoprite se la vostra zona è a rischio e come potete proteggervi in modo da evitare danni. Inoltre vi raccomandiamo di controllare regolarmente la copertura assicurativa per gli stabili, la mobilia domestica e la vostra impresa.

Altri articoli

trembling facility

Il pericolo più grande è in agguato nelle viscere della terra

I terremoti sono il pericolo naturale con più potenziale di danno, ma molti non sono sufficentemente assicurati.
Donna che guarda lo smartphone

Mobilia domestica: la migliore protezione online

Questi sei consigli vi aiuteranno a stipulare online l’assicurazione di mobilia domestica ideale per le vostre esigenze.
Una donna in impermeabile e stivali di gomma è circondata dalla piena

Rischi naturali – li conoscete?

Con i cambiamenti climatici aumentano la frequenza e l’intensità dei rischi naturali, quali inondazioni o frane. Quanto è sicura la vostra zona?