Phishing – quando i suoi dati finiscono nelle mani di estranei

Protezione dal phishing

Phishing – quando i suoi dati finiscono nelle mani di estranei

Viene richiesto di confermare la password via e-mail o di fornire informazioni sulla carta di credito al telefono? Attenzione! Questi sono solo due dei molti metodi utilizzati dai truffatori per acquisire dati riservati. Si presentano come persone o aziende affidabili. Vi sveleremo come proteggervi in modo semplice.

Quasi quotidianamente forniamo dati personali o inseriamo password per confermare la nostra identità. Questa pratica, che ormai fa parte della routine quotidiana, viene sempre più sfruttata dai criminali. A nome di mittenti affidabili come la nostra banca o il fornitore di posta elettronica, chiedono di rivelare o confermare dati sensibili. Il cosiddetto «phishing» per informazioni riservate sta diventando sempre più comune.

Sono passati da tempo i tempi in cui questo approccio era facilmente riconoscibile grazie a numerosi errori di battitura o altri errori evidenti. Le e-mail o le chiamate di phishing sono oggi estremamente realistiche. Pertanto, è importante reagire in modo sensibile a questo tema e proteggersi con semplici misure.

Come riconoscere il phishing

Ci sono segnali che possono indicare un tentativo di phishing o una truffa già avvenuta. Non sempre queste caratteristiche indicano necessariamente un caso di phishing, ma è comunque importante prestare attenzione in questi casi:

  1. Vi viene richiesto di fornire dati confidenziali come password o informazioni bancarie.
  2. Vi viene richiesto di agire in modo urgente, ad esempio confermando cliccando su un link.
  3. Vi vengono minacciate conseguenze se non agite.
  4. Il mittente è sconosciuto o il nome è scritto in modo errato.

Come proteggersi dal phishing

  • Verificare allegati e link: Aprite allegati e link solo se conoscete il mittente e l’e-mail non sembra sospetta.
  • Cambiare le password: Cambiate regolarmente le password e non scegliete parole facili da indovinare o date di nascita.
  • Verificare gli account utente: Controllate regolarmente se ci sono movimenti sul vostro conto bancario, ordini fatti a vostro nome o altro che non avete effettuato voi.
  • Utilizzare l’autenticazione a due fattori: Dove possibile, attivate questa funzione. Riceverete un codice aggiuntivo tramite e-mail o SMS dopo ogni inserimento della password per conferma aggiuntiva.
  • Attivare il software di protezione: Proteggete il vostro computer, smartphone e dati personali utilizzando programmi antivirus. Con l’app Zurich Cyber Security, otterrete diverse funzioni di protezione in un’unica app, ad esempio la funzione «Navigazione sicura» che avverte su siti web e link sospetti.

Se diventate comunque vittime di phishing, segnalatelo immediatamente, a seconda del tipo di incidente, al fornitore di posta elettronica, all’online shop o al datore di lavoro. Ad esempio, se ricevete una e-mail sospetta inviata a nome di un negozio online, informate il servizio clienti del negozio in questione.

Altri articoli

Una donna lavora con un laptop sulla terrazza

La sicurezza nel telelavoro

Cosa si deve tenere in considerazione quando si lavora al di fuori dell’ufficio.
Bambino con il computer

Navigare e fare shopping online in sicurezza

Controllare velocemente il meteo, ordinare calze online o vedere un film in streaming: tutte cose con cui Internet ci facilita la vita. Ma le persone private possono subire un attacco hacker, una truffa nello shopping online o un furto virtuale. Sette domande e risposte sul tema «Navigare e fare shopping online in sicurezza».
La donna è al telefono cellulare e tiene in mano una carta di credito

Smartphone nuovo? Questa assicurazione cellulari ti conviene.

Ha senso stipulare un’assicurazione per il mio smartphone nuovo? Vi illustriamo le opzioni a vostra disposizione. E quale variante è la più opportuna.